Festa della Liberazione 2022: le celebrazioni in programma a Cirié

Pubblicato il 19 aprile 2022 • Manifestazioni istituzionali

La Città di Cirié festeggerà il 77° anniversario della Liberazione con un programma intenso di celebrazioni e di iniziative.

Nella serata di domenica 24 aprile si svolgerà la "Fiaccolata della Liberazione", organizzata dalla Società Operaia di Cirié: il ritrovo è alle ore 20.30 in Piazza Castello.  

Nella mattinata di lunedì 25 aprile 2022 si svolgeranno invece le celebrazioni ufficiali a cui la Cittadinanza è invitata a partecipare.

Alle 8.45 una delegazione renderà omaggio al cippo dei Carabinieri in corso Generale dalla Chiesa, in Piazza Caduti Partigiani Ciriacesi e al Monumento dei Bersaglieri.

Il ritrovo generale è previsto per le 9.30, nel cortile di Palazzo D’Oria, da cui partirà il corteo verso il Parco della Rimembranza, dove all’alzabandiera farà seguito un momento di preghiera per i caduti di tutte le guerre. Verrà poi reso omaggio ai cippi delle Vittime dei Lager Nazisti, delle Famiglie Ciriacesi Caduti e Dispersi in Guerra, dei Caduti Senza Croce e al Monumento delle Penne Mozze.

Il corteo, a cui parteciperà la Filarmonica Devesina e la Pattuglia Bersaglieri Ciclisti di Cirié, proseguirà per Piazzetta XXV Aprile, dove si terrà la Preghiera del Partigiano, per poi rendere omaggio al Monumento dei Caduti in Piazza D’Oria e alla Lapide dei Caduti nel cortile del Municipio.

Proprio qui, la cerimonia proseguirà con il saluto da parte del Sindaco Loredana Devietti e l’orazione ufficiale da parte dell'Onorevole Davide Gariglio.

Mercoledì 27 aprile è invece previsto un momento di incontro con lo scrittore Adelmo Cervi, figlio di Aldo, terzogenito dei sette fratelli Cervi, fucilati nel 1943 nel poligono di tiro di Reggio Emilia.

L'appuntamento - ospitato nella sala Consiliare di Palazzo D'Oria - avrà inizio alle ore 20.45.

Green Pass rafforzato e mascherina FFP2 richiesti.

La Città di Ciriè invita i cittadini a esporre la Bandiera dell’Italia come segno di unità e a sostegno alla nostra Patria.